Cardinal McCarrick confesses that he was lobbied to support Cardinal Bergoglio

Rome, February 25, 2015:  Cardinal Theodore McCarrick, on October 11, 2013, during a speech given at Villanova University, in the United States, confessed that he was lobbied to support Cardinal Bergoglio.  Start watching from 18:20…

 

The Cardinal very smoothly avoids saying that he heeded the advice given, and that he spoke to favor Cardinal Bergoglio’s candidacy, but his words and admissions betray him.

The events recounted by the Cardinal took place, according to him, while he was in Rome at the beginning of the General Congregations for the 2013 Conclave.  The lobbying effort was significantly exposed by Dr. Austen Ivereigh in November, in his book, The Great Reformer: Francis and the Making of a Radical Pope.

[HT to our friend from Chicago, for this tip]

 

Advertisements

“Team Bergoglio” member announces Synod will accept Homo “Marriage”

Godfried Cardinal Danneels, retired Archbishop of Brussels, Belgium & Cardinal-Priest of Sant'Anastasia al Palatino

Godfried Cardinal Danneels, retired Archbishop of Brussels, Belgium & Cardinal-Priest of Sant’Anastasia al Palatino

Rome, February 19, 2015:  In a stunning revelation, Cardinal Godfried Danneels — whom Dr. Austen Ivereigh, in his book, The Great Reformer: Francis and the Making of a Radical Pope, names a member of “Team Bergoglio”, the group of Cardinals who lobbied to elect Cardinal Bergoglio — has announced that the Synod in October will approve of the perversion of marriage.  His comments were made to 7Sur7, a news blog published by Persgroep Publishing nv, a multi-media conglomerate near Brussels, Belgium, headed by the Catholic businessman, Christian Van Thillo.

The Cardinal’s remarks were published this morning in French, in an unsigned article, entitled, Le cardinal Danneels “préoccupé” par la réforme de la Curie.  Here is an unofficial translation of the key paragraphs of that article (bold facing is our own addition).  Speaking of the reform of the Roman Curia proposed in the recent Extra-ordinary Consistory of Cardinals last week, Cardinal Danneels said:

The objective is to promote greater harmony in the work of various departments (ministries), for a more effective collaboration. The sessions took place in an open and positive atmosphere, related the Belgian cardinal, who said that the Cardinals were encouraged to express their views in the presence of the Pope. Godfried Danneels regrets, however, that a minority is not favorable to reform. “I am concerned, but not worried,” he concedes.

“The Church makes her steps gradually. It will be the same for the family Synod“, to be held in October. This synod is an extremely important point, but I do not expect it to put an end to the discussion. Conceptions concerning partner-relationships are constantly evolving in the world. The position of the Church also evolves,” he concludes.

The From Rome blog, which has covered the “Team Bergoglio” story from its inception, distinguishes between the core members and the collaborators (players), in harmony with Dr. Austen Ivereigh’s metaphor for a soccer team.

“Team Bergoglio” is promoting Schism in the Church

BBC captures Lightning strike on dome of St Peter's Basilica, evening of Feburary 11, 2013.

BBC captures Lightning strike on dome of St Peter’s Basilica, evening of Feburary 11, 2013.

Rome, February 13, 2015:  There is something dark and nefarious about the entire Pontificate of Pope Francis. When Pope Benedict XVI announced his decision to abdicate, on February 11, 2013, just a few hours later a lightning bolt fell upon the dome of St. Peter’s Basilica (see image and video here). Then, again, it was reported that lightning struck a second time, on the very day of his abdication on February 28th of that year. I myself was witness to these events: and saw a most terrible thunderstorm, the likes of which I had never seen in Italy in 5 years, approach Rome from the south on the evening of February 11th, with thunderous claps and explosions, as if a war had broken out in Heaven itself.

Then, on the very day of the election of Pope Francis, March 13, 2013, the rains fell so heavily that the River Tiber, at Rome, which had  begun to rise during the general congregations preceding the Conclave, rose so high that, if were not for the newly constructed high walls about her, she would have overflowed her banks, and that at the very Vatican itself.

To those who read Scripture closely, and who have the faith to read the signs of the times, as Our Lord Jesus Christ exhorted us to do: the signs are unmistakable:  As Our Lord said, and as St. Luke the Evanglist faithfully recorded, lightning is a biblical sign:

And He said unto them: I beheld Satan fall like lightning from Heaven (Luke 10:18)

Floods are also a biblical sign, just as St. Moses, the author of the first 5 books of the Bible teaches us:

“I establish My covenant with you; and all flesh shall never again be cut off by the water of the flood, neither shall there again be a flood to destroy the earth.” (Genesis 9:10)

Lightning, thus, can be a sign of a grave moral deviation from the Divine Will.  Flooding, can be a sign of God’s great displeasure at the prevalence of moral depravity.

Kasper’s proposal will lead to Schism

The proposal made by Cardinal Kasper will lead necessarily to schism. This is certain.  But not every Catholic understands why this is so.

That Kasper’s proposal is in truth Pope Francis’ agenda, is clear from the fact that Cardinal Kasper is a leading member of “Team Bergoglio”, the group of Cardinals whom Dr. Austen Ivereigh, in his book, The Great Reformer, alleges conspired to get Cardinal Bergoglio elected. He is also the leading intellectual among them.

The From Rome blog has covered the “Team Bergoglio” story from the beginning, and recently exposed the heretical spirit behind this group of Cardinals.

Not all the Cardinals or Bishops agree with Cardinal Kasper, and it is right that they shouldn’t. Because his proposal is a rejection of Christ’s teaching through the Apostle St. Paul in 1 Corinthians 11:26-27.  This holy dissent is visible in recent statements by Cardinal Burke, Archbishop Lenga, Bishop Schneider and others.  It is also indicated by the fact that not all the Cardinals in good health, who could have attended the special Consistory at Rome, currently in session, were present.

So it is important to understand how great a danger the Church is in. For this reason, the From Rome blog is republishing the introduction to a very excellent analysis, entitled, “Are you ready for the Prospect of Two Churches?“, by the blog, That the Bones You have crushed may Thrill:

Here is the introduction to that post, which begins with a photo from the Piazza del Popolo at Rome, which is surrounded my numerous churches:

Are you Really Ready for the Prospect of Two Churches?

popoloIs this post-Synod scenario completely out of the question?

A man and a woman, both divorced, wish to remarry. One of them is a Catholic. They go to see one priest at a Church and the parish priest says, “According to my conscience, informed by the Word of God, you cannot be remarried in the Catholic Church unless your previous marriage is annulled.” The couple go to see another priest at another Church nearby and he says, “According to the Pope and the Synod on the Family, you can be remarried here.”

Thinking the unthinkable

Now I know that the Synod is not about ‘remarriage in the Church for the divorced’. Yet, the question raised by the Synod, thanks to Cardinal Walter Kasper, is whether the divorced and remarried can receive Holy Communion opens the Church up to a raft of hideous inconsistencies that result in schism. But let’s think about that scenario.

If the divorced and remarried can receive Holy Communion, why should they not be permitted to remarry in a Catholic Church? This is about ‘access to the Sacraments’, right? So if they can receive the Eucharist, the Church could, having thrown off all respect for Canon Law, permit them to marry in a Catholic Church as well. Both are Sacraments of the Church so why give one and refuse the other? Because Jesus said X, Y, Z? Well, ‘who is He to judge’ in the new, humble, merciful Church? Jesus doesn’t judge anything anymore, right? Not in 2015.

You might well argue, well if what Jesus said no longer applies then why should the Church encourage or even insist on marriage in the first place, but, of course, that’s the real outcome, isn’t it? The weakening of marriage and the disregarding of the sacredness of marriage as a Sacrament. What could the Church of 2020 or 2040 look like? It could look like something a bit like I have described above because, remember, to the ‘great reformers’ nothing is really sacred or fixed, nothing is holy or immovable. No doctrine, however important it was, is too important now not to be reconsidered. All laws and customs and doctrines are in the way of modern man’s personal fulfillment. Even the words of Jesus just ‘get in the way’.

To read the rest of this fine article, click here.

“Team Bergoglio” is a heretical conspiracy to overthrow the Church of Christ

Rome, February 11, 2015:  The story of “Team Bergoglio” has been covered in detail by this blog from the beginning, but the story yet to be told, is that “Team Bergoglio” was and is a heretical plot to destroy the Church of Christ.   The proof is found in nothing less than the words and deeds of its members, before, during and after the Conclave of 2013.

Who’s who in “Team Bergoglio”?

o-POPE-ROLLING-STONE-570“Team Bergoglio” is the name given by Dr. Austen Ivereigh to the group of Cardinals whom he says, in this book, The Great Reformer: Francis and the Making of a Radical Pope, conspired together to promote the candidacy of Cardinal Jorge Mario Bergoglio by means of an organized vote-canvassing campaign.  The facts alleged we have studied here; the canonical consequences, here.

The 7 members of the conspiracy, named by Dr. Ivereigh’s in his hard cover book, are:  Cardinal Jorge Mario Bergoglio, Cardinal Cormac Murphy-O’Connor, Cardinal Godfreid Danneels, Cardinal Karl Lehman, and  Cardinal Walter Kasper, Cardinal André Armand Vingt-Trois, Cardinal Santos Abril y Castelló, and Cardinal Christoph Schönborn.

Of these Cardinals, Cardinal Murphy-O’Connor and Cardinal Danneels, have publicly confirmed that they supported Cardinal Bergoglio’s candidacy during the Conclave.

Two other Cardinals are named as facilitating the vote-canvassing:  these have been promoted to the Council of Cardinals, the so called “gang of eight”:  Cardinal Sean Patrick O’Malley of Boston, USA, and Cardinal Laurent Monsengwo Pasinya of Kinshasa, Congo.

Dr. Ivereigh alleges other Cardinals as promising votes, but does not name them: American Cardinals, Latin-American Cardinals and African Cardinals.  Some Cardinals from these 3 groups have taken on important roles since the election of Pope Francis:  such as Cardinal Oscar Andrés Rodríguez Maradiaga of Guatemala, Cardinal Reinhard Marx who was seen in the company of Cardinal Kasper immediately prior to the Conclave, and who is also a member of the Council of Cardinals.

We shall name the collaborators with the core 7 “Team Bergoglio” members as “players” to distinguish them.

A small Sample of the Heretical Statements & Actions of “Team Bergoglio”

Cardinal Walter Kasper, a core “Team Bergoglio” member, has been notorious for his personal heresies for more than a decade.  One needs only to read his lecture, given in 2003, “That all might be one”, where he sketches out the theological necessity, according to him, of abandoning everything distinctively Catholic in the Catholic Faith, so as to promote the union of all Christian “churches” into a one world religion, blasphemously asserting his opinion as the will of Jesus Christ. But that is not all:  Cardinal Kaspar is notorious also for 3 books, in which he publicly and formally denies the historicity of many of the miracles worked by Christ, calling the Gospel texts which recount them fanciful, post-Easter “legends” (See the recent study by Joe Sparks). Its obvious, therefore, that Cardinal Kasper is a formal public and pertinacious heretic, since he has held these beliefs for many years despite bitter criticism.

Cardinal Reinhard Marx, a “Team Bergoglio” player was recently outed by this blog for his blasphemous and heretical denial of truth as a necessary means of salvation. In his interview, with the Jesuit magazine, America, he also indicated that Cardinal Bergoglio is of the same mind on this point, wanting a Church without truth, since “a church with truth is not useful for the people.” In the same interview, he clearly manifested his heretical hatred for the Catholic Faith by calling those catholics who want doctrinal clarity, “terrorists”, which is to use the very language of the enemies of Christ itself.

Cardinal Jorge Mario Bergoglio, the obvious “Team Bergoglio” owner, has said numerous non-Catholic and anti-Catholic things since being elected Pope.  Here at the From Rome blog, we have have singled out his heretical denial of salvation by dogmatic faith for specific censure. For a fuller list, see Christopher Ferrara’s, The Remant’s Man of the Year.  According to Sandro Magister, one of the leading Vaticanistas of Italy, Cardinal Bergoglio actively promoted communion for those in irregular situations, in violation of the anathema of the Council of Trent, Session 13, canon 11, which reads:

CANON XI.: If any one saith, that faith alone is a sufficient preparation for receiving the sacrament of the most holy Eucharist; let him be anathema. And for fear lest so great a sacrament may be received unworthily, and so unto death and condemnation, this holy Synod ordains and declares, that sacramental confession, when a confessor may be had, is of necessity to be made beforehand, by those whose conscience is burdened with mortal sin, howsoever contrite they may think themselves. But if any one shall presume to teach, preach, or obstinately to assert, or even in public disputation to defend the contrary, he shall be thereupon excommunicated.

There is no need to add that Cardinal Baldiserri recently affirmed that Pope Francis was behind every scandalous happening at the recent extraordinary Synod for the Family, which pushed for communion for adulterers and sodomites.

Cardinal Oscar Andrés Rodríguez Maradiaga, who has been infamous for more than a decade on account of his denial of the existence of a child-abuse scandal in the Church, has recently pronounced himself in heretical terms on two occasions: during a talk given at the University of Dallas, Texas, where he says the Church no longer is opposed to the heresy of all heresies, Modernism (his talk is critiqued here, introduced and linked to here), and recently at Santa Clara University where he proposes the heretical thesis of Kasper regarding Mercy, which is founded on the denial of the dogma of original sin and its effects (video: here, talk critiqued here). He has recently affirmed that Pope Francis wants to irreversibly change the Church and make Her radically different than She has ever been.

Cardinal Godfried Danneels is, in his own right, notorious for his scandalous handing of child abuse, which indicates a profound rejection of the morals taught by Jesus Christ. But then again so is Cardinal Sean Patrick O’Malley, who sold off about 1/4 of all the Catholic Churches in his diocese, in violation of the 12th canon of the 7th Ecumenical Council, the Second of Nicea, which forbids Bishops from selling churches.

Cardinal Santos Abril y Castelló, the Archipriest of Santa Maria Maggiore, the Basilica in Rome, where the relics of Christ’s crib from Bethlehem are kept, terminated the only Mass in the Ancient Roman rite regularly celebrated at the Basilica in the winter of 2014, within the very first year of Pope Francis’ pontificate despite the desperate pleas of the Catholic Faithful of Rome. This mass was the very first mass in the Ancient Roman rite which was established after Summorum Pontificum of Pope Benedict XVI, begun the very day of its publication. It was celebrated every month on the First Saturday, in honor of the Immaculate Heart of of the Most Blessed Virgin Mary. The closure of the Mass was made without any reason or justification, out of pure hatred for the Mother of God and the Ancient Liturgy and the Catholics of Rome.

Several other members and players are notoriously friendly to sodomites, as can easily be verified from their pastoral actions and statements. Indeed, Edward Pentin on February 11th reported on NewsMax that the informed members of the Roman Clergy now realize that the Kasperian proposal about giving communion to adulterers, has nothing to do with marriage, its all about advancing the political agenda of Sodom, and the heresies which they propose: such as their abomination not being a sin which cries out to God for Divine Vengeance.

A Conspiracy of Heretics Heretical doth become…

That the conspiracy identified by Dr. Ivereigh is heretical follows from a simple co-linking of facts:  heretics of a feather flock together for but one purpose, their mutual heresy.  Since March 12, 2015, every move Pope Francis has made, every talk and every discourse and every appointment or promotion either directly promoted the common heresy of Modernism, or did not forestall it. He has specifically promoted all but a few members of “Team Bergoglio” to the Council of Cardinals.  He has allowed every “Team Bergoglio” member or player to say whatever heretical thing they want with impunity. Catholic Bishops have been summarily removed for fidelity to the Faith ( e. g. Paraguay); those who have celebrated the Holy Sacrifice of the Mass or promoting the right formation of seminarians or religious have been attacked and removed from power.  The animus is clear, present and malevolent, for one purpose.

For this reason Archbishop Langa on January 1st, 2015, lamented there is no longer any hearing in Rome against the agenda of Freemasonry.  For this reason Cardinal Burke announced his resistance, and was forced today to issue a clarification of his perfectly catholic statement, while Cardinals Marx and Rodrigues-Maradiaga are under no constraint against spouting heresies.

Let him who has eyes to see, see!

Se il Collegio dei Cardinali non fa il suo dovere

Traduzione di Antonio Marcantonio dal testo inglese originale
con qualche modifica dell’Autore

Roman_RuinsRoma, 30 gennaio 2015: Due giorni dopo la presentazione, da parte del blog From Rome, di quelli che sembrano essere crimini canonici ad opera del “Team Bergoglio” – così il Dr. Austin Ivereigh, ex-portavoce del Cardinal Cormac Murphy-O’Connor, ha definito il gruppo di otto Cardinali che hanno cospirato per l’elezione del Cardinal Bergoglio prima del Conclave del 2013 e durante il suo svolgimento – Padre Federico Lombardi, portavoce della Santa Sede, ha annunciato che Papa Francesco ha convocato un concistoro speciale di Cardinali nei giorni 14 e 15 febbraio, per nominare venti nuovi Cardinali: si tratta di un tentativo di alterare per sempre la fisionomia del Collegio, sostituendone una la cui maggioranza di membri era stata scelta da Papa Giovanni Paolo II e Benedetto XVI ad un’altra la cui maggioranza di membri sarà composta da Cardinali scelti da Papa Francesco o che sono stati coinvolti nello scandalo della richiesta di voti per la sua elezione*.

 

Il dovere del Sacro Collegio dei Cardinali

L’attendibilità delle accuse portate nel caso contro il “Team Bergoglio” è stata ampiamente dimostrata nel nostro articolo del 6 gennaio 2015: Da Ivereigh all’abdicazione, i passi canonici resi necessari dallo scandalo del “Team Bergoglio”. E i fondamenti canonici che consentirebbero di sollevare la questione dell’invalidità dell’elezione del Papa durante il Concistoro di febbraio sono stati esplicati nel nostro articolo del 17 gennaio 2014, Qualsiasi Cardinale Elettore ha il diritto di richiedere che lo scandalo del “Team Bergoglio” sia chiarito.

Vedi la nostra Cronologia completa sullo scandalo del “Team Bergoglio”.

È ovvio che se i venti nuovi Cardinali nominati da Papa Francesco si aggiungono al Collegio dei Cardinali, tale corpo, de facto, non avrà più la capacità di indagare sulle accuse contro la validità dell’elezione di Papa Francesco che emergono tanto dalla narrazione degli eventi da parte del Dr. Austen Ivereigh come dall’indagine sulle irregolarità della procedura osservata durante il Conclave da parte di Antonio Socci, nel suo libro Non è Francesco che è attualmente un best-seller in Italia.

In questo caso, è valida la massima e la regola canonica:  Qui tacet videtur consentire (C. 43 in VI.5.12.).

Entrambe le fonti esprimono dei dubbi che sorgono da dichiarazioni fatte non dagli oppositori del Cardinal Bergoglio, bensì dai suoi stessi sostenitori, che sostengono di aver parlato con i Cardinali Elettori (nel caso di Ivereigh) o con lo stesso Cardinal Bergoglio (nel caso di Socci). Si tratta pertanto di testimoni estremamente attendibili.

Allo stesso tempo, nel momento in cui scriviamo, 354 Cattolici di tutto il mondo hanno inoltrato una petizione al Collegio dei Cardinali affinché esso indaghi sulle accuse di eterodossia contro il Cardinal Bergoglio e sul carattere eterodosso del suo comportamento personale prima e dopo la sua “elezione” papale, elementi sulla base dei quale essi credono che egli debba essere dichiarato invalidamente eletto e deposto come eretico. Non si sa quanti Cardinali conoscano l’esistenza di questa petizione, anche se le dovrebbe essere garantita con certezza una risposta pubblica.

I Cattolici di tutto il mondo, pertanto, dovrebbero farsi la seguente domanda:

Dopo il 15 febbraio, quando i nuovi Cardinali saranno insediati, che ne sarà della Chiesa?

Il Cardinal Bergoglio, già a partire dall’epoca del Conclave del 2013, ha mostrato in modo estremamente chiaro e costante, a tutti quelli che hanno occhi per vedere, di non essere in possesso della Fede Cattolica – anche se ogni volta che parla spontaneamente contro di essa e glielo si fa notare, egli si scusa adducendo il fatto di non aver avuto l’intenzione di negare nulla –; le ripetute espressioni del proprio credo individuale, la costante impunità e l’artificialità dei tentativi di mettere tutto a tacere dopo gli scandali che egli provoca, mostrano che egli sta semplicemente mantenendo salda la sua presa sull’ufficio che detiene, al fine di portare avanti il disegno esplicito e maligno di distruggere l’adesione e la lealtà della Chiesa al Magistero di Gesù Cristo, il Figlio Incarnato di Dio.

Persino i suoi sostenitori, come il Cardinal Baldissieri o il Cardinal Rodríguez Maradiaga, affermano che egli si trovava dietro ogni azione scandalosa al recente Sinodo Straordinario sulla Famiglia e che la sua intenzione era quella di alterare irrimediabilmente e irrevocabilmente la natura stessa della Chiesa.  Pure, il Cardinal Marx afferma che Francesco rigetta la Chiesa come “una chiesa di verità”, perché come tale sarebbe “inutile per il popolo”.

Chiunque legga le notizie lo dovrebbe ormai sapere. Anche i Cardinali del Sacro Collegio.

Se essi non interverranno, risulterà evidente che fanno parte di un gruppo di complici de facto che condividono gli sforzi o le intenzioni del Cardinal Bergoglio di rovesciare la Chiesa Cattolica. In tal caso, essi diventeranno sospetti non solo di eresia, ma soprattutto di pertinacia in collusione sia attiva sia passiva col Cardinal Bergoglio. Essi perderebbero in tal modo ogni diritto di rappresentare il clero di Roma, in virtù del Canone 194, che recita in latino come segue:

Can. 194 — § 1. Ipso iure ab ecclesiastico amovetur:

1° qui statum clericalem amiserit;
qui a fide catholica aut a communione Ecclesiae publice defecerit;
3° clericus qui matrimonium etiam civile tantum attentaverit.

2. Amotio, de qua in nn. 2 et 3, urgeri tantum potest, si de eadem auctoritatis competentis declaratione constet.

Che, nella nostra traduzione non ufficiale ma letterale in italiano, recita come segue:

Canone 194 — § 1. In base alla stessa legge sono rimossi dallo stato ecclesiastico:

  1. Chi ha perso lo stato clericale;
  2. Chi ha disertato pubblicamente la Fede Cattolica o la comunione con la Chiesa;
  3. Un chierico che abbia cercato di contrarre matrimonio, anche solo civile.

2. Si può procedere alla rimozione, nei casi di cui ai numeri 2 e 3, solo se il caso viene stabilito da una dichiarazione dell’autorità competente riguardo la stessa.

È infatti ovvio che chi cospira per la negazione dell’insegnamento di Gesù Cristo è un eretico e un nemico della Chiesa Cattolica. Non è legittimo considerarlo in comunione con Essa più di quanto un virus mortale possa essere considerato parte del corpo che infetta**.

Il paragrafo 2 stabilisce che in primo luogo le autorità competenti devono giudicare i fatti: solo allora è lecito rimuovere dal loro ufficio la persona o le persone coinvolte.

Il diritto divino e naturale del Clero di Roma

seminario romanoIl fatto che l’autorità competente in una materia così grave sia il Clero della Diocesi di Roma si deduce senza alcuna possibilità di obiezione dal suo diritto divino e naturale. Divino, per il fatto che il clero di ogni diocesi, in caso di eresia del proprio vescovo e dei suoi collaboratori, ha il diritto di espellerli dalla comunione della Chiesa; naturale, poiché in ogni società umana gli unici membri che hanno l’autorità di espellerne altri sono quelli che conservano fedelmente la natura e la forma di tale società.

Questo duplice diritto del Clero di Roma viene affermato dall’Enciclopedia Cattolica, pubblicata più di cento anni fa, nel suo articolo sull’Elezione di un Papa, in cui dice:

Come si è visto, la guida suprema della Chiesa è abbinata all’ufficio di Vescovo di Roma. Il Papa diventa pastore capo perché è il Vescovo di Roma; non diventa Vescovo di Roma perché è stato scelto come capo della Chiesa universale. Pertanto, è corretto dire che l’elezione al papato è innanzitutto un’elezione al vescovato locale. I membri della Chiesa Romana hanno sempre avuto il diritto di eleggere il proprio vescovo. Sono essi che hanno la facoltà di poter dare alla Chiesa universale il suo pastore supremo; non viene loro assegnato un vescovo in virtù della sua elezione da parte della Chiesa universale. Ciò non significa che l’elezione debba consistere in un voto popolare da parte dei romani. Per quanto riguarda gli affari ecclesiastici, spetta sempre alla gerarchia guidare le decisioni dei fedeli. La scelta di un vescovo spetta al clero e deve essere limitata ai suoi livelli più alti. Questo è valido per la Chiesa Romana attuale. I membri del collegio dei cardinali elettori esercitano il loro ufficio in quanto gerarchi del clero romano. Se mai il collegio dei cardinali cessasse di esistere, il compito di scegliere un pastore supremo non cadrebbe sui vescovi riuniti in un concilio, ma sui restanti membri del clero Romano. Fu Papa Pio IV, all’epoca del Concilio di Trento, che insistette su questo punto in un’allocuzione concistoriale, temendo che al momento della sua morte il concilio potesse rivendicare tale diritto.

Tutte queste cose devono essere osservate con proprietà, discrezione e coscienza.

Quindi, se il Sacro Collegio si astiene dal ripudiare queste intenzioni maligne e dallo sciogliere i dubbi a proposito dell’elezione, il clero della Diocesi di Roma ha il diritto di fare da giudice. In tale diritto sarebbe inclusa la facoltà di interrogare le parti, tanto il Cardinal Bergoglio come tutti gli altri membri o co-cospiratori del “Team Bergoglio”, o chiunque possa dare testimonianza sulla mancanza di Fede Cattolica in lui o nei suoi sostenitori.

È sufficiente giudicare gli elementi a disposizione per poter emettere una sentenza che stabilisca o – in virtù della legge papale UDG 4 – che il conclave del 2013 non ha svolto un’elezione canonicamente valida, ovvero che Papa Francesco, per sua propria eresia, manifesta l’intenzione maligna di allontanarsi dalla fedeltà a Cristo su qualche materia. Qualora venissero interrogati, i Cardinali non potrebbero avvalersi del fatto di essere vincolati al voto pronunciato al conclave, perché nei procedimenti giudiziari le testimonianze non violano in nessun modo un voto di segretezza e perché in situazioni di questo genere il bene della Chiesa è superiore ad ogni voto.

Il clero della Diocesi di Roma comprende non solo i sacerdoti e i diaconi incardinati, ma anche i Vescovi Ausiliari e gli Arcivescovi, i Vescovi, i sacerdoti e i monsignori che sono incardinati nel Vaticano, che pur essendo per la legge civile uno stato separato, rimane una parte della Diocesi di Roma per il diritto canonico. Avrebbero diritto di partecipare come giudici a un processo del genere anche i Cardinali che non hanno potuto partecipare al Conclave del 2013 o che non potranno partecipare al Concistoro del 2015 – ivi compreso il Papa Emerito, “Padre Benedetto”, come chiede ora di essere chiamato –, così come i vescovi ausiliari, i sacerdoti e i diaconi della Diocesi di Roma in pensione ma ancora incardinati nella Diocesi.

Sarà quindi Dio che riderà ultimo, perché con il mero fatto di nominare nuovi Cardinali Elettori un uomo eletto in modo non canonico non potrà mai imporre un fait accompli alla Chiesa di Roma.

__________________________

* 115 Cardinali hanno partecipato al Conclave del 2013. Il Dr. Ivereigh afferma che il “Team Bergoglio” era composto da otto Cardinali (sette dei quali partecipavano attivamente, mentre l’altro conteggiava le promesse di voto) e da due possibili cospiratori che hanno raccolto 25 promesse di voto per il primo scrutinio. Se essi hanno ottenuto quanto volevano alla prima votazione, si può presumere con un ragionevole margine di probabilità che – come dice il Dr. Ivereigh – abbiano continuato tale attività anche dopo di essa, e quindi che anche qualcuno dei 53 voti guadagnati successivamente sia stato promesso. Tutti i Cardinali che hanno richiesto e promesso voti sarebbero stati ipso facto scomunicati. La serietà di queste accuse è stata recentemente dimostrata: il 6 gennaio 2015 il Cardinal Danneels, tramite il suo portavoce, ha esplicitamente negato di aver chiesto voti per il Cardinal Bergoglio prima il Conclave. E a partire del 15 febbraio più la maggioranza del Sacro Collegio sarà tanto in favore di Bergoglio, che con ogni probabilità non vorrà sentire nemmeno un accenno all’invalidità della sua elezione né tanto meno emettere un giudizio equo su di essa.

** Bisogna qui distinguere con attenzione e riconoscere che una cosa è avere abbastanza elementi  per esigere un processo o un’indagine per stabilire se il Pontefice di Roma è un eretico o è stato eletto in modo non canonico; altra cosa è averne la certezza: la seconda ipotesi richiede infatti la certezza delle prove a livello dei giudizi privati, e anche un atto forense di giudizio da parte dell’autorità competente a livello dei giudizi pubblici. È questa la ragione per cui la necessità che vengano sciolti i dubbi sullo scandalo del “Team Bergoglio” tramite un giudizio pubblico è di un’urgenza assoluta: perché la Chiesa rischia non solo che ai suoi fedeli venga negato il diritto di avere un legittimo successore di San Pietro, ma anche uno scisma tra i seguaci di un candidato che sembrerebbe essere falso e quanti insistono sulla necessità di averne uno legittimo.

Qualsiasi Cardinale Elettore ha il diritto di richiedere che lo scandalo del “Team Bergoglio” venga chiarito

Cardinal Jorge Mario Bergoglio takes the vow of secrecy at opening of the 2013 Conclave (BBC, screenshote by From Rome blog, cropped)

il Cardinale Jorge Mario Bergoglio emette il voto di segretezza alla apertura del Conclave, Marzo 12, 2014 (BBC, screenshot: From Rome blog, cropped)

L’UDG 5 e il Canone 1530

Traduzione italiana di Sig. Antonio Marcantonio: fonte inglese originale, qui.

Roma, 17 gennaio 2015: Dal momento in cui si sono diffuse le rivelazioni a proposito della campagna organizzata da otto Cardinali per favorire l’elezione del Cardinal Bergoglio al Conclave del 2013 – in cui quest’ultimo è stato eletto come Papa Francesco – si è aperta una controversia pubblica accompagnata da seri dubbi circa la validità dell’elezione. Nella norma papale che regola l’elezione di un pontefice, la Costituzione Apostolica Universi Dominici Gregis, mancano infatti i termini specifici che avrebbero impedito che i fatti dovessero essere interpretati in base alle norme generali del Codice di Diritto Canonico, in modo particolare ai Canoni 171 e 1329.

Nel paragrafo 81 della Universi Dominici Gregis (che abbrevieremo con la sigla UDG), il reato della promessa di voti è sanzionato con la scomunica automatica, in modo tale che un Cardinale Elettore viene scomunicato nell’atto stesso di promettere un voto. In base al Canone 1329, la scomunica automatica si estende alla persona che richiede la promessa del voto, anche se si tratta di un Cardinale Elettore. In base ai termini del primo paragrafo del Canone 171, i voti degli elettori scomunicati, anche quando si tratta di Cardinali in un conclave, non possono essere contati come voti a favore del candidato che essi menzionano sulla scheda; inoltre, in base al secondo paragrafo dello stesso Canone, se i voti degli elettori scomunicati sono conteggiati tra quelli a favore del candidato, in modo tale da fargli raggiungere il numero di voti necessario per la vittoria, quest’ultima viene annullata a tutti gli effetti in conformità con le norme sull’elezione.

La facti species, ovvero l’apparenza dei fatti narrati nel libro del Dr. Ivereigh, Il Grande Riformatore: Francesco e la creazione di un Papa radicale (traduzione italiana del nostro sommario, qui), parla dunque a favore dell’invalidità dell’elezione di Papa Francesco, ossia del fatto che egli non abbia ottenuto il suo ufficio con mezzi leciti, legali o legittimi. Ciò implicherebbe che non solo i Cattolici si possono dissociare dalla comunione con lui, ma hanno anche l’obbligo morale di farlo se non vogliono incorrere nel peccato mortale.

Le accuse, attendibili, concernono quindi un autentico scandalo.

L’UDG 5 offre una semplice soluzione allo scandalo del “Team Bergoglio”

Grazie a Dio, Papa Giovanni Paolo II ha provveduto, nella sua legge papale sul conclave, una facile soluzione di cui qualsiasi Cardinale si può servire: tale soluzione risiede nei termini sanciti dal quinto paragrafo della legge papale, l’UDG 5, il cui testo ufficiale in latino recita:

  1. Si quae autem dubia exoriantur de sensu praescriptionum, quae hac Nostra Constitutione continentur, aut circa rationem qua ad usum deduci eae debeant, edicimus ac decernimus penes Cardinalium Collegium esse potestatem de his ferendi sententiam; propterea, eidem Cardinalium Collegio facultatem tribuimus interpretandi locos dubios vel in controversiam vocatos, statuentes, ut, si de eiusmodi vel similibus quaestionibus deliberati oporteat, excepto ipso electionis actu, satis sit maiorem congregatorum Cardinalium partem in eandem sententiam convenire.

La nostra traduzione non ufficiale in italiano è la seguente:

  1. Inoltre, se dovesse sorgere uno di questi dubbi a proposito delle prescrizioni contenute in questa Nostra Costituzione, o a proposito del criterio secondo cui esse devono essere messe in pratica, Noi dichiariamo e giudichiamo che il potere di emettere un giudizio su di essi spetta al Collegio dei Cardinali; conferiamo inoltre al Collegio dei Cardinali la facoltà di interpretare i passi dubbi e/o contestati, in modo tale che quando esso emette sentenze su questioni di questo tipo e/o similari – eccetto il caso specifico dellelezione – sia sufficiente che la maggioranza dei Cardinali riuniti si trovino d’accordo sulla stessa opinione.

In questo paragrafo, Papa Giovanni Paolo II chiarisce vari punti: in primo luogo, il Sacro Collegio ha autorità e giurisdizione su questioni riguardanti il significato dei singoli paragrafi e sul metodo da usarsi per applicarli; in secondo luogo, il Papa stabilisce che siano i Cardinali che devono deliberare in merito a ciò, che bisogna procedere a una votazione e che le decisioni devono essere prese dalla maggioranza dei Cardinali Elettori riuniti.

In altre parole, dunque, la legge papale stabilisce nell’UDG 5 che i Cardinali Elettori riuniti sono i giudici dei casi che possono sorgere a proposito della legge papale stessa. L’unica materia su cui non si possono pronunciare è l’atto stesso dell’elezione,: ossia, non possono giudicare se l’atto abbia avuto luogo o no, bensì possono solamente valutare se si è aderito debitamente ai termini della legge papale e se questi siano stati seguiti. Già nel paragrafo 4 l’UDG stabilisce che ogni inadempimento dei termini rende le elezioni nulle e non valide: non v’è quindi bisogno che i Cardinali giudichino la validità dell’atto stesso.

È pertanto sufficiente che i Cardinali si riuniscano, deliberino in merito al caso dello scandalo del “Team Bergoglio” e lo dirimano. Potranno dibattere sulla veridicità delle accuse e investigare sui fatti chiedendo ai testimoni oculari se l’UDG 81 sia stato violato tramite un accordo sui voti perpetrato dai sostenitori del Cardinal Bergoglio.

Il Canone 1530 garantisce il diritto di indagare sulle accuse

Il Canone 1530 garantisce il diritto di ogni Cardinale e ognuno con interesse, come ogni clerico o laico della Chiesa di Roma, a esigere che si indaghi in un concistoro sulle accuse relative allo scandalo del “Team Bergoglio”. Garantisce infatti al giudice di ogni contenzioso il diritto e il dovere di indagare sui fatti relativi alle controversie e di dirimerle, su richiesta di una qualsiasi delle parti in causa. Il testo del Canone recita:

Can. 1530 — Iudex ad veritatem aptius eruendam partes interrogare semper potest, immo debet, ad instantiam partis vel ad probandum factum quod publice interest extra dubium poni.

La nostra traduzione non ufficiale in italiano è la seguente:

Canone 1530 — Il giudice può – e ancor più, deve – sempre interrogare le parti per scoprire la verità in modo più efficace, quando una delle parti lo solleciti e/o per provare un fatto di pubblico interesse e sciogliere ogni dubbio su di esso.

In questo caso sarebbe l’intero Collegio dei Cardinali Elettori a ricoprire il ruolo di giudice, mentre ogni singolo Cardinale Elettore – insieme a quelli accusati di accordare i voti – può ricoprire il ruolo di parte in causa. Ogni singolo Cardinale può quindi esigere che il Sacro Collegio indaghi sulle accuse. Ciò è possibile solo se si interroga ogni singolo Cardinale di fronte agli altri. Si può fare ogni tipo di domanda. Il Canone 1531 esige che la persona interrogata dica la verità. I Cardinali eserciterebbero in tal modo tutto ciò che è prescritto sui contenziosi nell’edizione del 1983 del Codice di Diritto Canonico (cfr. Canone 1501 e seguenti).

La soluzione è semplice. La questione del “Team Bergoglio” può essere risolta facilmente. Perché dunque non si apre alcun contenzioso? E perché i sostenitori del “Team Bergoglio” si scagliano così violentemente contro l’ipotesi di un’indagine?

Da Ivereigh all’abdicazione

I passi canonici resi necessari dallo scandalo del “Team Bergoglio”

Traduzione dell’originale inglese da Antonio Marcantonio

Life-sized 18th c Manger Scene, venerated for centuries at Acireale, Sicily (Photo by Br. Alexis Bugnolo)

Life-sized 18th c Manger Scene, venerated for centuries at Acireale, Sicily (Photo by Br. Alexis Bugnolo)

Roma — 6 gennaio 2015: In occasione della solennità dell’Epifania del Signore, la Chiesa Cattolica celebra il trionfo della luce sulle tenebre, il trionfo della Luce Eterna sulle tenebre che questo mondo ha ereditato dal peccato di Adamo, tenebre che sono la conseguenza del peccato e consistono nella separazione da Dio e nella perdita della Luce di Dio che – se non fosse stato per il peccato originale – avrebbe condotto la stirpe di Adamo a una splendida gloria, già a partire dalla sua prima progenie. Nella giornata di oggi la Chiesa celebra la rivelazione della Luce Eterna incarnata nel seno della Santissima Vergine, rivelata a tutti i Gentili che cercano Dio; non a tutti i Gentili, si badi bene, bensì solo a quanti di loro – come i Magi di un tempo – Lo cercano con sincerità e con zelo.

Questo grande Mistero che oggi celebriamo deve riecheggiare in tutte le scelte di vita che facciamo, deve riecheggiare nell’intera vita della Chiesa e in tutte le Sue scelte, e deve riecheggiare anche nel governo della Chiesa tramite le scelte che la Gerarchia Sacra fa.

Una Chiesa che non osservi le Sue stesse leggi, quindi, non può in nessun modo affermare di essere la Chiesa che proclama il Mistero dell’Epifania; per questa ragione, la corruzione all’interno della Chiesa è da considerarsi un’abominevole negazione della verità di tutto ciò che l’Epifania rappresenta.

È pertanto assolutamente opportuno affermare ancóra una volta che i fatti vincolati allo scandalo del “Team Bergoglio” e le sue conseguenze legali richiedono in modo estremo e supremo lo scioglimento dei dubbi e delle questioni che hanno sollevato.

Per questa ragione, il blog From Rome procede ora alla stesura di un riepilogo della Causa Canonica contro il “Team Bergoglio” e a mostrare le ragioni per cui la validità dell’elezione del Cardinal Bergoglio ne risulta palesemente invalidata, lasciando alla tesi contraria scarse probabilità di dimostrarsi certa. Un riassunto dei reportage sullo scandalo del “Team Bergoglio” è disponibile – insieme ai post del blog From Rome che ad esso si riferiscono – nella nostra Cronologia dei reportage sul Team Bergoglio, che viene aggiornata regolarmente. Per maggior comodità del lettore, riassumiamo i fatti contenuti negli articoli elencati nella Cronologia stessa.

L’infrazione del paragrafo 81 della Universi Dominici Gregis

Nel nono capitolo della sua biografia di Papa Francesco, Il Grande Riformatore: Francesco e la creazione di un Papa radicale, il Dr. Austen Ivereigh, ex-portavoce del Cardinal Cormac Murphy-O’Connor, afferma che otto Cardinali hanno conspirato con successo per l’elezione del Cardinal Bergoglio, sollecitando la promessa di voti da parte di venticinque Cardinali elettori al primo scrutinio del Conclave del 12 marzo 2013. Dal testo di Ivereigh si deduce che due o tre tra i cospiratori non erano elettori. In base ai termini del paragrafo 81 della costituzione apostolica Universi Dominici Gregis (UDG), gli elettori che partecipano a qualsiasi tipo di patto, accordo o promessa di voti stretta per mezzo di qualsiasi tipo di obbligazione – tanto di carattere leggero come di carattere forte – incorrono nella pena della scomunica. I termini utilizzati dall’UDG 81 indicano chiaramente che la scomunica deve essere intesa come una scomunica ipso facto che viene imposta nell’atto stesso della trasgressione. In una trasmissione della BBC del 12 marzo 2013, il Dr. Ivereigh ha ammesso di aver incontrato il presunto leader della campagna elettorale, il Cardinal Cormac Murphy-O’Connor, riconoscendo anche – nella stessa apparizione sulla BBC – che ogni tipo di accordo relativo ai voti è proibito dalla norma papale. In un’intervista sul giornale, Catholic Herald, del 12 settembre 2013, il Cardinale ha ammesso di essere stato il leader di una campagna a favore di colui che sarebbe poi stato eletto come Papa Francesco e che quest’ultimo non solo era a conoscenza del fatto, ma gliene rese anche grazie il giorno successivo all’elezione; il Cardinale ha anche confermato nella stessa intervista che all’epoca del 12 marzo 2013 il Cardinal Bergoglio sapeva che sarebbe stato un candidato e che avrebbe ricevuto un gran numero di voti al primo scrutinio. Nessuno dei Cardinali di cui è stato fatto nome come persone implicate ha mai sostanzialmente o totalmente negato queste affermazioni dal momento in cui sono diventate per la prima volta di dominio pubblico, sei settimane fa, il 23 novembre 2014.*

Le pene stabilite dal Canone 1329 si applicano al Cardinal Bergoglio

In base al Canone 1329, tutti i Cardinali elettori che hanno partecipato a un accordo di questo tipo – dato che il reato non avrebbe potuto essere compiuto senza di loro – incorrono nello stesso tipo di scomunica. Tra questi rientra il Cardinal Bergoglio: se si considera che avrebbe potuto arrestare la campagna che si stava organizzando manifestando semplicemente la sua ripugnanza nei confronti della perpetrazione di un reato, si deve riconoscere, l’eventualità che egli non fosse a conoscenza della natura di quest’ultimo deve essere considerata virtualmente impossibile. In un video di unintervista diffuso recentemente, il Dr. Ivereigh ammette che il Cardinal Bergoglio arrivò a Roma per partecipare al Conclave con l’intenzione di essere un candidato. L’insistenza con cui egli espresse il desiderio di acquistare biancheria intima il giorno dopo l’elezione può anche indicare che fosse cosciente del fatto che il modo in cui fu eletto avrebbe potuto incriminarlo qualora non si fosse mostrato libero di ogni intenzione di essere eletto. Sostenere che Bergoglio non fosse consapevole della natura della campagna significherebbe pretendere che non abbia mai parlato con nessuno dei suoi sostenitori prima delle sessioni chiuse del Conclave, che non abbia esercitato alcuna forma di controllo sulla sua elezione, che non abbia cercato di ottenere il papato e che non si aspettasse di essere eletto.

Il Cardinal Bergoglio fu eletto con 78 voti

Secondo le voci trapelate, il Cardinal Bergoglio avrebbe ottenuto 16 voti al primo scrutinio e avrebbe vinto poi le elezioni all’ultimo ballottaggio del 13 marzo 2013 con 78 voti, solo due in più rispetto alla maggioranza di due terzi richiesta per l’elezione (76). I Cardinali Elettori e quanti hanno loro prestato assistenza nella Cappella Sistina il 12 e 13 marzo 2013 sono le uniche persone che conoscono il numero esatto dei voti. Tuttavia, tutti sono vincolati dal giuramento a non rivelarlo senza il permesso esplicito del Papa. I numeri riportati provengono da presunte indiscrezioni di qualcuno di loro, sorte nel clima d’euforia nel momento che ha seguìto l’elezione di Papa Francesco.

Il Canone 171 invalida l’elezione in ragione della violazione dell’UDG 81

In base alla norma stabilita dal Canone 171 §1, i voti degli elettori scomunicati non possono essere inclusi nel conteggio; il Canone 171 §2 stabilisce che, nel caso in cui essi vengano conteggiati come parte dei voti necessari per raggiungere il numero richiesto per l’elezione, quest’ultima è nulla e non valida. Il comma 3 del primo paragrafo del Canone 171 fa menzione di persone scomunicate per sentenza giudiziale o per decreto; il Canone 20 specifica che tutte le leggi papali come la UDG sono decreti generali; il testo latino dell’UDG 81 usa lo stesso verbo di imposizione specificato come condizione per il Canone 171 §1, ° 3 (innodare). È quindi fuor di dubbio che il Canone 171 invalidi delle elezioni papali in cui il numero di voti necessari per raggiungere il quorum (la maggioranza di due terzi) è stato ottenuto includendo nel conteggio 16 voti di altrettanti elettori scomunicati, come sembra essere il caso dello scandalo del “Team Bergoglio”. Certo, è possibile che qualcuno dei 16 voti emessi al primo scrutinio non siano stati promessi, ma è virtualmente impossibile che meno di due lo siano stati.

Cosa si deve fare adesso

Dato che il caso ha raggiunto un livello sufficiente di attendibilità per quanto riguarda la sua facti species, ossia, in base all’apparenza dei fatti, esso deve essere giudicato dalle autorità competenti.

Inoltre, dato che il caso riguarda l’invalidità delle elezioni, è necessario assicurare la validità di un giudizio in merito in modo tale che – indipendentemente dalla sentenza emessa dal giudizio stesso – le sue conclusioni siano raggiunte in base a un metodo che tutte le parti considerino, di comune accordo, lecito, legittimo e valido.

Se il Cardinal Bergoglio è stato eletto validamente, la sua autorità come Papa sarebbe sufficiente a sbrogliare la materia. Ma nell’ipotesi in cui egli non sia stato eletto validamente, il compito di farlo spetta al Sacro Collegio dei Cardinali in virtù dell’autorità conferita loro dall’UDG 5.

Sembra quindi saggio proporre quanto segue per giudicare il caso dello scandalo del “Team Bergoglio”:

  1. Il Papa convochi un concistoro cui partecipino sia i Cardinali elettori all’epoca in cui è stato eletto tanto quelli che non erano elettori al conclave del 2013, insieme ai Cardinali creati sotto il pontificato di Papa Francesco, che tuttavia non avranno diritto di pronunciarsi e di voto, per loro propria libera decisione.
  2. Il Papa esprima in un concistoro, in tutta umiltà, la sua volontà di abdicare qualora si scoprisse che la sua elezione non era valida.
  3. Il Papa, nel concistoro, esima tutti i Cardinali riuniti dal loro voto di segretezza riguardo a tutte le informazioni concernenti il conclave, in modo che essi possano parlare liberamente.
  4. I Cardinali stabiliscano per voto unanime che il successore di Papa Francesco, nel caso in cui questi abdichi o la sua elezione sia invalidata, esima allo stesso modo tutti loro da tale voto.
  5. Il Decano del Collegio chiami i Cardinali a rispondere – presentando testimonianza individuale – se gli sia stato chiesto di promettere di votare per qualche Cardinale specifico.
  6. I Cardinali, in virtù dell’autorità loro conferita dall’UDG 5, determinino se le testimonianze date mettano in dubbio la validità dell’elezione del 2013, e decidano con giudizio unanime se tale dubbio sia da ritenersi ragionevolmente una minaccia per l’unità della Chiesa.
  7. Papa Francesco confermi qualsiasi cosa essi determinino.
  8. Papa Francesco, nel caso di un giudizio affermativo, abdichi al suo ufficio tramite decreto scritto, in presenza dell’intero Sacro collegio; nel caso di un giudizio negativo, pubblichi i risultati dell’indagine e garantisca ai Cardinali la libertà di parlare in pubblico dell’intero affare una volta che il concistoro sia terminato, al fine di confermare la sua autenticità e mettere a tacere ogni dubbio.

 

Essendo che il caso sembra tanto solido, se quanti sono a conoscenza della falsità o della verità di qualcuno dei fatti o delle interpretazioni canoniche di cui sopra tacciono in questo momento, peccano gravemente o per mancanza di amore per la verità e per la reputazione delle persone coinvolte, o come complici dei fatti. Se le autorità competenti non emetteranno un giudizio su un caso indiscusso, la Chiesa Stessa sarà gravemente danneggiata nella Sua reputazione e nella Sua adesione al Mistero dell’Epifania, quello della manifestazione della Luce, della Verità eterna, incarnata in mezzo a noi.

_____________________

*  Vedi l’articolo Linfondatezza delle recenti smentite del Team Bergoglio– in inglese; ma qualche ora dopo la pubblicazione di quest’articolo, il Nieuwsblad.be in Belgio, pubblica un articolo in quale il Cardinale Danneels, tramite il suo portavoce, smentisce il patteggiamento di voti fatto da lui prima il conclave.